Ritorno alla vita locandina

Ritorno alla vita

l'ultimo film di wim wenders

LUN 11 ORE 17:00 - 19:00 - 21:00
MAR 12 ORE 16:30 - 18:30 - 20:30

Sala:

Regia: Wim Wenders

Durata: 100'

Genere: Drammatico

Cast: James Franco, Charlotte Gainsburg, Rachel Mc Adams.

Trailer: https://goo.gl/iSGr9Q

TRAMA

Il film racconta dodici anni nella vita di Tomas, uno scrittore americano in piena crisi creativa: la sua relazione con Sara, una ragazza dolce e convenzionale che poco capisce del suo mondo interiore; quella con l’editrice Ann e sua figlia Mina; il difficile rapporto con la scrittura, il successo critico e il riconoscimento intellettuale; il legame misterioso e indissolubile con la bellissima Kate, giovane madre di due bambini che vive negli spazi sconfinati del lago Ontario.

 

CRITICA

“Melodramma a voce bassa, in interni poco illuminati cui il 3D non offre particolare introspezione, ‘Ritorno alla vita’, il nuovo film di Wenders parla non tanto della mortal ferita, ma della cura per guarire l’uomo la cui vita va a pezzi, (...) Avevamo lasciato Wim nei panorami grandiosi del ‘Sale della terra’, pieni di tutto il dolore del mondo, lo ritroviamo qui in un suo classico iter esistenziale con colpa, perdono e catarsi. E anche se ci sono molti cartelli segnaletici nella traiettoria morale (tra cui la musica di Desplat che sottolinea in rosso e blu i momenti clou) l’autore di ‘Paris Texas’ e ‘L’amico americano’ è prodigo di umanità, dubbi, silenzi intrisi di un nuovo senso della vita che si trasmettono in platea con star che sposano la sua causa, da James Franco alla Gainsbourg, un gran O.K. Corral di sofferenze.” (Maurizio Porro, ‘Corriere della Sera’)

 

“(...) Il Tempo che scorre e ci trasforma è - ancora una volta per Wenders - il vero soggetto del film (...). Ci sono film che catturano dalla prima scena e altri che chiedono più attenzione, ma ripagano germogliando nella memoria. ‘Ritorno alla vita’, il miglior lavoro narrativo di Wenders da molti anni in qua, in 3D come ‘Pina’, appartiene alla seconda categoria. Anche perché maneggia una materia impalpabile che oggi ossessiona molti registi (pensiamo agli ultimi Bellocchio e Moretti, o al ‘Boyhood’ di Linklater, il più esplicito al riguardo). Il Tempo, per l’appunto. (...) Anche Wenders infatti racconta 12 anni del suo protagonista. Ma anziché filmarlo davvero per 12 anni, come Linklater, gioca sullo stile. Distillando immagini lavoratissime che scandiscono l’evoluzione del protagonista attraverso una serie di momenti forti (forti in senso interiore: il tono ovattato e il ritmo costante non aiuteranno chi vuole montaggi serrati e colpi di scena, ma vale la pena fare uno sforzo). Basterebbe il modo in cui è costruito l’incidente a dire la grandezza di questo grande paesaggista che non riprende mai solo gli eventi visibili ma ciò che essi provocano dentro i personaggi. Ne esce un film personalissimo e imperfetto, cigolante ma fitto di immagini memorabili, che dal privatissimo senso di colpa di uno scrittore estrae un sentimento una musica - universale.” (F. Ferzetti, ‘Il Messaggero’)

 

“Alle prese con una vicenda che sembrerebbe essere più prossima a un soggetto di Susan Bier messo in scena da Atom Egoyan (la neve, il lutto), Wenders compone un credibile ritratto di una menomazione interiore che si scioglie solo nel finale. Intriga del film l’indifesa morbidezza del tratto, segno sì di un accademismo diventato maniera, ma anche di un desiderio di continuare a orientarsi nel mondo. ‘Ritorno alla vita’ non riesce a porre in prospettiva il passato remoto wendersiano. E vano sarebbe entrare in sala sperando in uno scatto visionario. Eppure è proprio l’insostenibile fragilità dell’insieme che in qualche modo riescea trasmettere qualche baluginante segnale di vita..” (Giona A. Nazzaro, ‘Il Manifesto’)

 

Scarica la scheda