45 Years locandina

45 Years

Lun 30 Nov
ore 17:00 - 19:00 - 21:00
Mar 01 Dic
ore 16:30 - 18:30 - 20:30

Sala:

Regia: Andrew Haigh

Durata: 93'

Genere: Drammatico

Cast: Charlotte Rampling, Tom Courtenay, Geraldine James, Dolly Wells

Trailer: https://goo.gl/ARfHFe

TRAMA

Manca solo una settimana al 45mo anniversario di matrimonio di Kate Mercer e i preparativi procedono bene fino a quando suo marito Geoff riceve una telefonata: il corpo del suo primo amore è stato ritrovato congelato e conservato nei ghiacciai delle Alpi svizzere...

CRITICA

Lo diceva François Truffaut per la (bella) bocca di Fanny Ardant, "le canzoni d'amore sono stupide, più sono stupide e più sono vere". E "cosa dicono?", chiedeva Gérard Depardieu alla signora accanto, già cosa dicono, ecco una domanda che la protagonista di 45 Years non si è mai posta, limitandosi ad accennare "Smoke Gets in Your Eyes" dietro al suo cane e dentro l'incostante clima inglese. Il brano musicale scritto da Otto Harbach, è l'idea melodica del dramma senile di Andrew Haigh. È l'aria che apre e chiude 45 Years, svolgendo probabilmente l'atto finale di una coppia che nel modo della canzone mette in dubbio il proprio amore, il proprio amore cieco. Meglio, accecato è quello di Kate per Geoff, il pianeta intorno al quale si compie la sua rotazione, quegli incessanti spostamenti in macchina che accompagnano il marito, lo recuperano e lo riconducono a casa, accecante come fumo negli occhi, quello di Geoff che ha dissimulato per quarantacinque anni un sentimento mai estinto per una donna perduta tragicamente tanto tempo prima. Quel sentimento travolgente e inalterato, per opera del cuore e del ghiaccio, Geoff lo ha sostituito e poi dosato dentro una vita ordinaria, una prospettiva orizzontale che non prevede (più) i crepacci ma non può scongiurare (nemmeno) le crepe. Impeccabilmente messo in scena, scritto e interpretato, 45 Years trova la sua verticalità in un passato fuori campo e lungo la scala che conduce alla soffitta e alle emozioni raggelate di Geoff. (...) Charlotte Rampling e Tom Courtenay, la cui impareggiabile tecnica drammatica 'suona' tutta la scala delle emozioni, sono gli interpreti disorientati e smarriti di un legame che sfuma il buon umore nell'ossessione, in un lento e in 'quella' loro canzone, che Kate ascolta per la prima volta (..) (Mymovies, Marzia Gandolfi)

Il cinema inglese è unico nel suo tratteggiare l'amore senile. (....). Ci riescono così bene anche grazie a una scuola di interpreti di straordinaria qualità, alimentata soprattutto dalla sempre vitale tradizione teatrale. Interessante che a raccontarlo sia anche un regista relativamente giovane come Andrew Haigh, già assistente montatore di film decisamente di diversa grana come il Gladiatore e Black Hawk Down.

45 Years è il racconto della settimana che precede il festeggiamento del 45° anniversario di matrimonio di una coppia della provincia inglese. La loro quieta routine, fatta di passeggiate col cane, dei preparativi per il gran giorno e di qualche chiacchiera con gli amici viene sconvolta dall'arrivo di una lettera per il marito. Il corpo del suo primo amore, morto oltre cinquant'anni prima in un incidente di montagna, è stato ritrovato congelato e perfettamente conservato in un ghiacciaio svizzero.

I due, splendidamente interpretati da Charlotte Rampling e Tom Courtenay, iniziano a veder scricchiolare la loro armonia, il senso stesso della loro vita insieme sembra incrinato. Quel corpo così ben conservato sembra improvvisamente aver riportato alla luce, impietosamente, come lui non abbia mai superato quel rapporto, quel giorno fra le montagne, continuando a preservarne il ricordo nelle abitudini, nei gusti musicali, nei libri preferiti.

45 Years è un film sull'implacabile scorrere del tempo e dell'amore, come un enorme tronco d'albero in cui i cerchi degli anni arrivano ad esaurire lo spazio a disposizione saturando all'improvviso, senza preavviso, il ricordo di un amore che sembra imposto dalla cattiva sorte di qualcun altro. (..)

Haigh gestisce abilmente una tensione crescente, che non influisce però sul suo stile sempre controllato, ma si alimenta semmai attraverso piccoli gesti, una risposta meno pronta o la perdita del patto di fiducia su cui si era basato il loro amore.

Un inesorabile conto alla rovescia verso la festa d'anniversario in cui, davanti a tutte le persone importanti della loro vita, ci sarà la messa in scena pubblica del bilancio della loro vita insieme, del loro matrimonio. Sempre che si arrivi con un matrimonio ancora in piedi. (Mauro Donzelli - Coming Soon)

 

Scarica la scheda