Dialogando con la città

Sabato 11 aprile ore 11,00

Cinema Vittoria Via Piscicelli 8/12 – Napoli

 

Presentazione del libro

La sposa di Mauro Covacich – Bompiani

in collaborazione con la Cattedra di Letteratura Italiana del Corso di Laurea in Lingue e Letterature Moderne Europee dell’Università Federico II di Napoli

 

Ugo Maria Olivieri e Nunzio Ruggiero conversano con Mauro Covacich

 

dal risvolto di copertina:

Due sconosciuti in attesa di sparare durante un safari umano. Un’artista vestita da sposa che attraversa l’Europa in autostop. Un giovane sacerdote, ignaro del suo futuro di papa, in un drammatico corpo a corpo con il desiderio. Gli attentati compiuti nei supermercati da un tranquillo padre di famiglia con la passione per gli esplosivi. Le peripezie di un cuore espiantato, in corsa verso la seconda vita. Un uomo deciso a condividere la casa con un branco di lupi. Fatti realmente accaduti che si fondono a invenzioni folgoranti e brevi digressioni autobiografiche, come la lezione di frisbee al nipotino, nella quale affiora la dolente sterilità di un’intera generazione che ha rinunciato ai figli per le proprie ambizioni personali. La sposa è un unico flusso di pensieri sul presente, lo stesso che da molti anni caratterizza la scrittura di Mauro Covacich e che trova in Anomalie (1998) la sua iniziale scaturigine. Diciassette storie colme di bruciante amore per la vita, scaturite dai recessi di una normalità spesso, a ben vedere, fenomenale.

 

Mauro Covacich è nato a Trieste nel 1965. Ha scritto diversi libri di narrativa, tra cui: Anomalie (Mondadori 1998, 2001), L’amore contro (Mondadori 2001 e Einaudi 2009), A perdifiato (Mondadori 2003, Einaudi 2005), Fiona (Einaudi 2005 e 2011), Trieste sottosopra (Laterza 2006), Prima di sparire (Einaudi 2008 e 2010), A nome tuo (Einaudi 2011) e L’esperimento (Einaudi 2013). È inoltre autore della videoinstallazione “L’umiliazione delle stelle” (Fondazione Buziol – Einaudi – Magazzino d’arte moderna Roma 2010).

Scarica la scheda della Presentazione di La sposa di Mauro Covacich