Ne sono passati di anni dall’inaugurazione nel lontano 1939 e per celebrare questa ricorrenza la società di gestione SPEC Cinematografica ha deciso di offrire all’affezionato pubblico, fidelizzato con uno storico cineforum che da sempre presenta un prodotto accuratamente selezionato, una programmazione di contenuti alternativi, come la digitalizzazione consente, per soddisfare i palati più disparati. Si comincia l’ 11, 12, 13 e 14 febbraio con POMPEI, l’acclamato documentario de The British Museum, che ripercorre la storia del 79 a.C. in maniera nuova ed originale (proiezioni per le scuole su richiesta) per poi presentare il giorno di San Valentino il romantico e immortale COLAZIONE DA TIFFANY di Blake Edwards con Audrey Hepburn, realizzato in 4K e che potrà essere gustato al massimo solo sul grande schermo del Vittoria, dotato di questa apparecchiatura.

Nelle date successive si potrà godere l’ AIDA di Giuseppe Verdi nella realizzazione discussa de La Fura dels Baus all’Arena di Verona, per poi passare al fenomeno di Natale (19 febbraio), SPAGHETTI STORY, l’opera prima di Ciro de Caro diventata un autentico caso per il grande successo riscosso a Roma e la prolungata, inaspettata, tenitura dopo grandi risultati nei festival in cui è stato proposto (26 febbraio), poi, Guido Lombardi e Gaetano di Vaio presenteranno LA’-BAS, il film che ha rivelato il talento del regista napoletano, oggi lanciato in importanti produzioni (5 marzo).

L’11 marzo è la volta di ENZO AVITABILE MUSIC LIFE, il documentario di Jonathan Demme nato dopo l’incontro dei due grandi talenti al Napoli Film Festival (che collabora alla realizzazione del programma) ed infine, per questa prima parte di celebrazioni, il 18 marzo tocca ad Alessandro Rak presentare il film di animazione L’ARTE DELLA FELICITA’ che ha avuto un notevole successo in Italia e sta avendo grandi riscontri in tutto il mondo. Un modo concreto di festeggiare un anniversario e di reagire alle difficoltà del momento rilanciando con variegati contenuti la centralità della sala cinematografica che è necessaria per mantenere attiva e vivace la vita notturna di un quartiere come il Vomero-Arenella che si sta trasformando in maniera strisciante in quartiere dormitorio, dove la cultura nelle forme più disparate (cinema, librerie,ecc) non ha più spazio.

Il Cinema Vittoria è facilmente raggiungibile con diversi mezzi: bus e Linea 1 della Metro collinare (è nei pressi della fermata Medaglie d’oro), ha una convenzione con l’attiguo omonimo garage ed è circondato nel giro di 200 metri da almeno altri quattro garage (compreso il nuovissimo parcheggio sotterraneo a Piazza Muzii) che consentono la sosta delle auto, buona anche la disponibilità di posti nelle strisce blu.

locandina75anni